Il sogno come ispirazione

Il mondo onirico è da sempre ispirazione per gli artisti di tutto il mondo. Quando gli occhi si chiudono, perdiamo il contatto con la realtà, entriamo in una dimensione magica: nei nostri sogni le lancette dell’orologio corrono all’indietro, la preistoria si mischia con la fantascienza, la fantasia prende il sopravvento. Un fenomeno particolare e difficile da spiegare: dai padri della

psichiatria come Freud e Jung fino ai maestri della letteratura come Pirandello e Neruda, personaggi e artisti hanno cercato di darne una personale interpretazione diventando molto spesso punti di riferimento per nuove ricerche. “Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni”, così scriveva William Shakespeare immaginando la parte più profonda dell’essenza umana.