Si fa presto a dire bio: orientarsi nella giungla dei materassi naturali

27 Giugno 2023

Si fa presto a dire bio: orientarsi nella giungla dei materassi naturali

Identikit e benefici dei materassi naturali. Dimentica quello della nonna, tutto lana e crine: i materassi bio di ultima generazione sono di tutt’altra fibra, ma… una non vale l’altra!

Dormire su un materasso in materiale naturale Ã¨ un vero toccasana per il sonno, grazie alle proprietà delle fibre vegetali. A maggior ragione se si tratta di fibre organiche: coltivate, prodotte, lavorate e certificate secondo gli standard agricoli biologici.

L’importante però è sapersi orientare nella scelta: vediamo le caratteristiche di un buon materasso naturale per farci dormire bene e quali sono i benefici.

Come riconoscere un (buon) materasso naturale: le caratteristiche

Materasso naturale, materasso organico, biologico… sì, è proprio una giungla!Tutti questi termini potrebbero sembrare una trovata di marketing (e in alcuni casi lo è) ma i materassi “naturali” esistono davvero – e non stiamo parlando di quei giacigli in paglia che si vedono ne La casa nella prateria.

Anche se non c’è un criterio univoco, di norma vengono classificati â€œmaterassi “naturali” quelli che hanno queste caratteristiche:
– sono certificati per l’assenza di sostanze nocive all’organismo umano
– sono realizzati interamente, o per la maggior parte con materiali naturali o quantomeno derivati da essi, con processi ecocompatibili

Attenzione però: naturale non è sempre sinonimo di benessere! Infatti i materassi naturali “old school”, imbottiti con lana o crine di cavallo sono altamente sconsigliati: sul lato pratico richiedono una manutenzione costante (devono essere girati e ruotati almeno 2 volte al mese) ma soprattutto sono facilmente colonizzabili dagli acari.

Il benessere inizia dalla pelle: i rivestimenti naturali

Spesso, quando si deve scegliere un materasso, ci si concentra solo sulla struttura interna, dimenticando che anche il rivestimento del materasso è fondamentale per dormire bene e svegliarci riposati.

I materiali naturali più indicati per il rivestimento sono cotone, lino, canapa e modal (una fibra ricavata dal legno di faggio): queste fibre infatti hanno ottime proprietà traspiranti e anallergiche, perciò non danno problemi a contatto con la pelle.

Cotone organico o biologico? Cosa cambia?

Scegliere un materasso con un rivestimento in fibra naturale è una buona idea, ancora meglio se si tratta di fibre non trattate con sostanze chimiche nocive per l’organismo. Il top è preferire un materiale indicato come organico o biologico, come può essere il cotone, il cui impiego è ormai abbastanza diffuso.

Ti stai chiedendo quale sia la differenza tra cotone organico o biologico? Non c’è! Sono due modi diversi per indicare un filato prodotto da piante coltivate senza l’uso di fertilizzanti, diserbanti chimici e pesticidi, seguendo le linee guida dell’agricoltura biologica.

Naturali, anche nell’anima: la struttura interna

In un materasso naturale anche l’anima, ossia la struttura interna, deve essere “green”. Molle o schiumato? Nessuno escluso: possiamo scegliere il comfort più adatto alle nostre esigenze orientandoci su schiumati realizzati con miscele di estratti vegetali, o su sistemi a molle – purché insacchettate con un tessuto biodegradabile.

Perché dormire su un materasso naturale: i vantaggi

Ora che sappiamo come riconoscerlo, ecco alcune buone ragioni per dormire su un materasso naturale.

1. È traspirante. I materiali naturali di cui è composto hanno la capacità di assorbire il calore e l’umidità del corpo: l’assenza di sbalzi termici e un ambiente asciutto sono condizioni necessarie per dormire senza interruzioni e un riposo realmente ristoratore.

2. È anallergico. Un rivestimento in fibra vegetale previene la comparsa di allergie cutanee. La struttura interna, se in schiumato vegetale o composta da un sistema a molle insacchettate singolarmente con tessuto biodegradabile, concorre a prevenire la formazione di acari, batteri, muffe e funghi, responsabili di vari tipi di allergie.

3. È duraturo. L’assenza di sostanze chimiche, normalmente impiegate per trattare i materassi convenzionali, fa sì che il materasso si degradi meno velocemente.

4. Ha un basso impatto ambientale. Essendo realizzato con materiali e processi rispettosi dell’ambiente, fa bene anche alla natura. Un materasso naturale è una scelta potremmo dire “obbligata” per chi ha a cuore la sostenibilità.

Cosa te ne pare? A noi sembrano ottimi motivi per scegliere un materasso dall’animo green. Il mix di benefici per il sonno e per l’ambiente infatti ci ha spinto a creare una nostra linea, che sfrutta la sinergia di tecnologie innovative e inedite combinazioni di fibre vegetali: una vera e propria forza della natura.
Scopri la linea I Naturali e goditi il benessere di un riposo green!